Le parole del mio 2015


Ogni anno arrivo in questo periodo con un po’ di nostalgia per il tempo trascorso e per tutto ciò che ho vissuto, per tutti i progetti pensati e realizzati, facendo tesoro di ciò che la vita mi ha donato, nel bene e nel male.


Già, perché ho imparato che anche dagli errori, dalle sconfitte e dagli insuccessi si può e si deve ripartire e crescere.

CRESCITA è stata, infatti, una delle parole chiavi del mio 2015. Crescita sostenibile, ma anche culturale e sociale.

Ripenso a tutte le persone che ho incontrato, e a chi ho salutato, Graziana ed Eva che con me hanno iniziato il loro percorso di crescita professionale.

Ripenso all’Ecuador, dove è nato questo viaggio e quello che mi ha lasciato dentro.

Ripenso alla maturata CONSAPEVOLEZZA che non basta più donare ma anche fare. Abbiamo tutti il dovere di adottare dei comportamenti consapevoli e responsabili per il bene del mondo, partendo dal nostro territorio.

E proprio il TERRITORIO è stata un’altra parola che mi ha accompagnata in questo 2015. E proprio dal mio territorio penso all’anno che verrà, ai tanti progetti e sogni che spero ancora di realizzare, e ai traguardi che spero di raggiungere.

E così pensando al futuro mi preparo per il mio capodanno, con un po’ di fortuna accompagnata da un ramo di vischio…

Felice 2016!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati da *