I grani antichi e il valore della Biodiversità


grani antichi molino rossetto

 

Care lettrici, ormai che avete imparato a conoscermi avrete sicuramente capito l’importanza che per me riveste il legame con la tradizione.

La nostra è una famiglia di mugnai da ben 7 generazioni, una storia che si tramanda sin dal 1760.

La tradizione, il legame con il passato e l’ascolto dell’eredità culturale e storica lasciata dai nostri antenati sono sempre stati e ancora oggi sono i tratti distintivi del nostro Molino.

 

Talvolta è proprio ponendosi con un occhio attento verso la tradizione che si riescono a trovare nuove idee e studiare nuove proposte per i consumatori di oggi, a questo proposito vi voglio parlare dei cereali antichi italiani.

Spesso li ho usati all’interno delle mie ricette e oggi vorrei parlarvi del valore storico, alimentare e culturale che portano con sé, e che credetemi, è davvero molto importante.

 

Prima di tutto: cosa sono i grani antichi?

I grani antichi italiani sono delle varietà di grano che arrivano dal passato e che sono rimaste autentiche e originali poiché non hanno subìto alcuna modificazione genetica da parte dell’uomo per aumentarne la resa.

 

Il loro valore sta proprio nella loro autenticità, i grani antichi vengono generalmente lavorati con la macinazione a pietra e la farina risultante è molto meno raffinata.

Grazie a questo tipo di lavorazione, si hanno materie prime che potremmo considerare semi-integrali e che mantengono quasi inalterate le loro proprietà nutrizionali.

I grani antichi tutelano la filiera corta e mantengono la biodiversità tipica dell’ambiente e del territorio di provenienza.

 

Oltre al legame con la tradizione sapete che per me è molto importante porsi in un’ottica di ascolto verso il consumatore, quello che con gran piacere ho notato è che sempre di più vi è la volontà di alimentarsi in modo consapevole, ponendo attenzione alla provenienza e alla qualità dei prodotti selezionati.

 

I grani antichi diventano quindi la risposta dal passato a una necessità attuale. Una risposta che oltre a fare del bene al nostro corpo, fa del bene anche alla nostra coscienza, perché la scelta dei grani antichi salvaguardia la biodiversità alimentare, il nostro territorio e la filiera corta.

 

Il mio consiglio:

Se volete cimentarvi in qualche ricetta a base di grani antichi vi suggerisco di iniziare con il grano Capelli, il più conosciuto, con il quale potrete realizzare una deliziosa schiacciata al rosmarino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati da *