L’autunno e l’arte del cocooning


l'arte del cocooning

Sta per arrivare l’autunno e con lui un clima più fresco e qualche giornata di pioggia, ma anche se dire addio alle gite fuori porta e ai pomeriggi da passare all’aperto non mi dà molta gioia, mi piace cercare il lato positivo anche di questa stagione.
Il freddo e il meteo meno clemente sono un’ottima scusa per trascorrere più tempo a casa, per questo motivo una delle attività che preferisco per prepararmi a questa stagione, è quella di trasformare un angolo della mia abitazione adeguandolo alla tendenza del cocooning.
La parola viene dal termine inglese cocoon che significa bozzolo o culla e fa riferimento all’arte di arredare e decorare la propria casa per trasformarla in un luogo confortevole e accogliente, come una sorta di culla.
Se ci pensate, l’autunno è la stagione in cui la natura va in letargo per poi risvegliarsi con i primi raggi di sole della primavera. E allora perché non imitarla?
Di certo non possiamo passare tutti i mesi più freddi chiusi in casa, ma avere una scusa per trovare un po’ di tempo per sé nella comodità delle nostre stanze è un buon modo per affrontare questa stagione. E allora ecco tre consigli semplici su come avvicinarvi all’arte del cocooning.

I colori del cocooning

Per creare un angolo rilassante, iniziate dai colori. Scegliete tonalità tenui come le sfumature del bianco, del marrone o del grigio. Per spezzare la monotonia, scegliete stampe e fantasie particolari, magari fiorite o geometriche in modo da rendere lo spazio più dinamico e interessante. Infine, se potete, date risalto ai mobili di legno che avete a casa. Oppure munitevi di un bel soprammobile che ricordi un po’ quello stile nordico delle case di montagna.

L’importanza del profumo

Per creare un’atmosfera rilassante in un angolo della vostra casa, spesso bastano dei dettagli molto semplici ma che possono fare la differenza. Basti pensare all’intenso profumo di una candela o di un bastoncino di incenso: sono perfetti per riempire la stanza di un delicato aroma.
Una mia piacevole abitudine del sabato mattina è andare nel negozio della mia cara amica Cristiana per scegliere le candele che più mi piacciono. Ne seleziono alcune per la casa e ne riservo alcune per l’ufficio, per creare un piccolo angolo rilassante anche lì.
Il mio consiglio, per rendere la vostra casa ancora più speciale, è di munirvi di un blocchetto di carta d’eritrea: brucia come un incenso ma si presenta sotto forma di sottili fogli di carta imbevuti di oli essenziali e resine che disperdono il loro profumo nell’aria durante la combustione. Una vera coccola che renderà l’atmosfera davvero unica.

Prendersi del tempo

L’arte del cocooning, però, non si limita ad arredare il proprio salotto o ad accendere qualche candela. Per godere appieno di questo angolo che avete creato è necessario prendere del tempo per sé. Togliete gli occhi dal telefono o dalla televisione e posateli su un bel libro o una rivista, oppure godetevi il profumo di una torta preparata con le vostre mani da gustare insieme ad un buon tè caldo. Uscirete dal vostro angolo cocoon rigenerati e pronti per affrontare una nuova giornata piena di impegni.

 

E voi avevate mai sentito parlare del cocooning? Come vi preparate alla stagione più fredda?
Se vi va, scrivetemelo nei commenti.

2 Commenti

Mariolina
Reply 29 settembre 2018

Si Chiara,anche qui in Sicilia iniziato un autunno lento e caldo ma che ispira tepore di un plaid leggero,tazza di buon the accompagnata da una fetta di torta e un bel libro.Domani pranzo con amici nel giardino d'inverno con un fumante risotto con zucca,stinco e patate,e le prime castagne arrivate dall'Etna:-):-)riuscire a godere di queste piccole cose è conoscere la vera essenza della vita!grazie x i preziosi suggerimenti :-)

    Chiara Rossetto
    Reply 2 ottobre 2018

    Grazie a te Mariolina per la condivisione!
    Hai descritto alla perfezione il mood autunnale :)
    Continua a seguire il mio blog!
    Saluti
    Chiara Rossetto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati da *